Pic nic contest 2017: una nuova sfida per le food blogger

Ciao a tutti,
oggi vi racconto la sorpresa che ho preparato per le blogger che parteciperanno al blog tour “Storie di formaggi e biodiversità”.

Tutti in sella in bicicletta, raggiungeremo una stupenda location immersa nel verde, sulle rive del Piave, all’interno di un antico mulino dove si respira la storia del nostro territorio, andremo alla scoperta delle erbe spontanee con il Prof. Rodato e il delegato Onaf Desideria Scilla farà un excursus storico sulla storia dei formaggi del Piave.

E la sorpresa? Il PIC-NIC CONTEST! Non poteva mancare un pic nic, ovviamente a base di formaggi Tomasoni. Le food blogger si cimenteranno nel realizzare delle ricette a loro scelta che si adattino ad un pic nic sull’erba e che abbiano come ingrediente principale uno dei formaggi della linea Bio, prodotta con latte biologico italiano, principalmente da selezionate stalle del Veneto.
Potranno scegliere tra: la Caciotta Bio con una lieve stagionatura, il Dolce Tomasoni Bio dal sapore dolce e delicato, il PrimoDì Bio dalla pasta tenera e saporita, la ricotta Bio, il San Saverio Bio e lo Stracchino Bio.

Con le coperte seduti sull’erba dopo un’attenta degustazione decreteremo la migliore, seguite l’hashtag #picniccontest2017 e #formaggidelpiavedal1955 per ricevere l’aggiornamento live dell’evento.

A presto!

Annunci

Storie di formaggi e biodiversità: incontro dedicato alle blogger

Giovedì  28 Settembre organizziamo un importante appuntamento per le blogger professioniste, ideato far vivere loro una nuova esperienza e far conoscere al meglio il nostro territorio, soffermandoci in particolar modo sul legame che c’è tra la qualità del latte veneto che utilizziamo per i nostri prodotti, la biodiversità e la produzione casearia.

Continua a leggere

Vendemmiare nell’isola di San Michele a Venezia

Sabato 2 settembre grazie all’ARGAV (Associazione Regionale Giornalisti Agricoltura Veneto e Trentino A.A.), avremo la possibilità di partecipare ad un’esperienza unica e originale, visitando le viti autoctone recuperate grazie al lavoro dell’associazione “La Laguna nel bicchiere” in ambientazioni uniche che non sono abitudinariamente aperte al pubblico.

Con il traghetto arriveremo all’isola di San Michele, dove visiteremo i vigneti e la cantina.

Le vigne di San Michele presso il cimitero cittadino crescono nell’orto dei novizi a ridosso del convento camaldolese gestito negli ultimi due secoli dai frati francescani. I vitigni disposti a pergole lungo i percorsi dell’orto sono di uva malvasia, dorona e prosecco, il nome del vino salso è In vino Veritas, San Michele in purezza: un vin da messa.
La cantina del convento, progettato dal Codussi, è dotata di quattro locali ampi ed è fornita di antiche botti e tini; è l’ultima testimonianza rimasta della tradizione di fare vino in laguna.

Pensate che potremo partecipare anche alla vendemmia, raccogliendo l’uva dai tralci e pigiandola nei tini.

La visita terminerà nel primo pomeriggio poi  visiteremo l’attiguo cimitero monumentale, dove si trovano, fra le altre, le tombe dell’impresario teatrale, Sergej Djagilev; dell’attore, Cesco Baseggio; dei compositori, Igor Stravinskij, Ermanno Wolf Ferrari, Luigi Nono; del poeta, Ezra Pound; dello psichiatra, Franco Basaglia; del pittore, Virgilio Guidi; dello scrittore, Josif Brodskij; dell’allenatore, Helenio Herrera; degli artisti Armando Pizzinato, Zoran Music, Emilio Vedova; del commediografo, Giacinto Gallina; dell’attrice, Lauretta Masiero.