Home Senza categoria Donnafugata: un nome che sa di Sicilia

Donnafugata: un nome che sa di Sicilia

by Serena Aversano

IMG_7404Mercoledì 3 febbraio sono stata ospite di Ferrowine durante l’incontro con i vini Donnafugata. Una serata elegante e all’insegna della cultura del buon vino.

L’azienda Vitivinicola Donnafugata non ha bisogno di presentazioni. Sono in molti a conoscere la storia della famiglia Rallo che dal 1983 anni porta avanti il suoIMG_7422 progetto imprenditoriale che punta alla cura dei particolari e mette l’uomo al servizio della natura per produrre vini sempre più rispondenti alle potenzialità del territorio.

Il nome Donnafugata è un omaggio alla Sicilia e  fa riferimento alla storia della regina Maria Carolina, moglie di Ferdinando IV di Borbone che ai primi dell’800 si rifugiò dove oggi si trovano i vigneti aziendali. Fu lo scrittore Giuseppe Tomasi di Lampedusa, nel romanzo Il Gattopardo, ad indicare con il IMG_7398nome di Donnafugata quei possedimenti di campagna del Principe di Salina che accolsero la regina in fuga.

Tra i vini degustati mi ha colpiIMG_7399to particolarmente il Rosso di Sicilia Igp “Mille e una notte” un vino rosso intenso ed elegante con sentori fruttati, dolci e maturi, su note balsamiche e floreali. Un’altro vino molto interessante, il Tancredi, un rosso importante con sentori di liquirizia, cacao e amarena con un tocco di note mentolate.

Infine, il mio preferito, il Passito di Pantelleria DOC Ben Ryè, un vino da meditazione avvolgente, dolce, morbido e fresco con note IMG_7397intense di albicocca e pesca e sensazioni di fichi secchi e miele.

Una degustazione elegante organizzata in una location d’eccezione!

You may also like

2 comments

Aindrèas Ridire 25 Febbraio 2016 - 22 h 57 min

Ben Ryè non può che essere il più amato dei loro prodotti; anche noi ne abbiamo parlato, qui:
https://vinidisicilia.wordpress.com/2015/12/29/il-ben-rye-di-donnafugata-un-grande-passito-e-il-problema-delle-dimensioni-sulle-strade-del-vino/

Reply
Serena Aversano 11 Marzo 2016 - 16 h 49 min

Ciao Aindréas! Grazie di avermi segnalato il tuo articolo! Ben Ryé è davvero un vino speciale!

Reply

Leave a Comment